GIULIA E COSTANZA

Per raccontare quanto sono diverse, ricorrono alla musica: Costanza è una partitura di Chopin, Giulia un pezzo a caso dei Rolling Stones.
A conferma che dagli opposti nasce l’armonia, dalle loro idee è nata una produzione di gioielli fatti a mano, e un brand – Co.Ro.Studio – che ha solo due anni ma già si sta facendo notare.

“Co.Ro. sta per Collegio Romano, la piazza di Roma dove c’è il liceo che abbiamo frequentato – raccontano – Un luogo per noi diventato simbolo, perché è lì che ci siamo conosciute. Ci piaceva anche l’idea della coralità contenuta nella sintesi delle due parole: noi siamo due, e a noi si aggiungono altre maestranze, dunque i nostri gioielli sono oggetti a più voci”.
Giulia Giannini e Costanza De Cecco hanno 27 anni e una laurea in Architettura. Architetti/designer, se proprio vogliamo imbrigliarle in una definizione, è quella che si addice di più. “L’architettura e lo studio dello spazio e delle proporzioni incide non solo nel modo di progettare, ma nel nostro modo di vivere – dicono – Per noi è mestiere, ma anche ispirazione”.
Ed è così che nascono i loro gioielli, miniature architettoniche che all’architettura s’ispirano e dall’architettura prendono in prestito il metodo. Edifici celebri o simboli del patrimonio artistico diventano oggetti di design: il gasometro di riva Ostiense, meraviglioso simbolo di archeologia industriale, racchiuso in un bracciale; il Colosseo in un anello. A volte è da un particolare soltanto che prende forma il gioiello. Il tratto è minimalista, niente fronzoli, solo asciutta eleganza: less is more di Mies van Der Rohe è principio e metodo; le forme pulite dei maestri razionalisti un continuo confronto.
IMG_6818
I materiali usati sono il bronzo e l’argento; dopo il disegno, Giulia e Costanza lavorano i gioielli con la tecnica della cera persa (“il passaggio dal foglio di carta alla forma tridimensionale ci dà ogni volta una grande emozione”); la fase finale è un bagno speciale nella ceramica che dà ai bijoux una patina di luce e resistenza.
L’idea di fare qualcosa insieme non è recente: “Al liceo realizzavamo magliette… E poi i soliti orecchini e braccialetti con le perline, eravamo bravissime a farli per le amiche. Diciamo che abbiamo sempre avuto passioni comuni, l’artigianalità, il design, l’architettura. Professionalmente siamo cresciute insieme. Abbiamo frequentato l’Accademia di moda e costume contemporaneamente all’università, per poi decidere che realizzare gioielli poteva diventare un’attività vera”.
Viaggiano e girano per mostre, non necessariamente insieme, ma sempre con un quadernetto in borsa. “Annotiamo e disegniamo qualsiasi cosa ci sorprenda – dice Costanza – poi ci confrontiamo ed è quello il momento più importante”.
Dicono di litigare anche molto, ma come tra sorelle dura lo spazio di dieci minuti, perché Co.Ro è anche la storia di una bella amicizia.
l'anello ColosseoSYM1lutece_copertinaCUBO1

I gioielli di Giulia e Costanza si possono trovare a Roma, a Parigi e a Vienna. Presto sarà attivo anche l’e – commerce sul sito www.corojewels.com
Questi gli indirizzi:
Gasparrini, via Della Fontanella Di Borghese, 42 – Roma
Livia Corchiarelli, via dei Gracchi, 98 – Roma
Le Artigiane, via di Torre Argentina, 72 – Roma
Le Gallinelle by Abito – Via Panisperna, 61 & Via del Boschetto, 22 – Roma
Nero Malto, 5 rue des lombards 4° arrondissement, Paris
Kunstforum Wien – Freyung 8 – 1010, Vienna

Paolamosc

16 commenti su “GIULIA E COSTANZA

  1. Barbara

    Questi anelli essenziali e splendidi sembrano fatti apposta per me, che indosso pochissimi gioielli e solo d’argento o di oro bianco. Ho giá annotato gli indirizzi di Roma…

     
    Rispondi
  2. Cri

    Concordo. Questi gioielli dalla forma così elegante e lineare conquistano anche chi i gioielli non li indossa.

     
    Rispondi
  3. Corojewels

    Salve a tutti, grazie mille per i complimenti.
    Lasciamo la nostra mail : co.ro.studio@gmail.com . Noi abbiamo un laboratorio a Rione Monti se volete passare a trovarci scriveteci !

    E mille grazie ancora a Paola per questo articolo che è davvero il più bello di tutti quelli che hanno scritto su di noi …

    Giulia e Costanza

     
    Rispondi
    1. Paola

      Care Giulia e Costanza,
      “imbattermi” in voi è stata una sorpresa piacevolissima.
      Mi piace molto il vostro lavoro artigiano, e mi piace l’idea di raccontare la bellezza artistica e architettonica attraverso oggetti indossabili.
      Spero che le mie amiche e le lettrici del blog accettino il vostro invito in laboratorio, per vedere di persona cosa siete capaci di fare. Resteranno sorprese anche loro, come me.
      vi abbraccio

       
      Rispondi
  4. Vittorio

    Questi oggetti hanno il valore aggiunto di essere un veicolatore di bellezza, che non e’ quella dell’oggetto in se’, ma la bellezza dell’arte e dell’architettura.

     
    Rispondi
  5. Jolanda

    anche questa storia è emozionante ma soprattutto incoraggiante, e scritta con la magica leggerezza di Paola…brave ragazze, questo è un’altro modo per rappresentare ed esprimere il talento delle donne italiane!

     
    Rispondi

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>